PIGRO, MA INDISPENSABILE NEI TEAM DI VENDITA

by Claudio
0 comment

Tanto per chiarire subito come stanno le cose, il pigro non è un umano, che in quanto pigro è dunque poco efficiente. Difficilmente un pigro umano potrebbe essere indispensabile in qualsiasi ruolo aziendale. Ma una applicazione digitale, ormai leader nel lavoro di moltissimi team aziendali, che è poi diventata insostituibile anche per i team di vendita, questa sì che potrebbe essere indispensabile.

Pigro?

Pigro è la traduzione semplicistica di questa applicazione nata nel 2013 da un’idea di Stewart Butterfield, co-fondatore di altre applicazioni di successo come Flickr. L’app di cui vi svelo il nome è “Slack”.

Ha rapidamente scalato tutte le classifiche delle app più utilizzate al mondo, attirando fin da subito l’attenzione dei colossi del mondo tecnologico, e attualmente conta oltre 3 milioni di utenti attivi.

Ben 81 delle 100 aziende “Fortune” impiegano questo strumento che si definisce come un vero e proprio “centro di comunicazione”. Ma perché è così impiegato e quindi così utile?

È un’applicazione di messaggistica, come molte altre, ma a differenza delle altre non ha uno sviluppo verticale, ma orizzontale.

Mi spiego meglio: l’app di messaggistica più utilizzata è Whatsapp. Ebbene, su whatsapp ogni utente indirizza dei messaggi ad un altro utente che li vede in sequenza verticale. Anche la data è in verticale e non può essere selezionata.

Quindi saranno visibili tutti i messaggi ricevuti da una determinata persona, in ordine temporale. Lo strumento di ricerca non può essere impiegato all’interno dell’account che ci scrive, ma solo in modo generico su tutti i messaggi e questo limita l’utilità dello strumento ricerca.

La cultura è il superfluo indispensabile.

Gaetano Salvemini

Slack è diverso, in quanto si fonda su “canali” che possono essere creati da chiunque e possono essere resi visibili contemporaneamente a tutti gli utenti o solo ad alcuni.

In più è possibile inviare messaggi privati e fare ricerche in ogni singolo canale o per singolo utente.

È possibile mettere in evidenza alcuni messaggi importanti con un “pin” oppure una “stella” ed avere la possibilità di ritrovare velocemente questi messaggi.

modestbranding=1&rel=0&autohide=1&playsinline=1&autoplay=0">
#038;modestbranding=1&rel=0&autohide=1&playsinline=1&autoplay=0" width="480" height="270">

Fino ad ora abbiamo visto le caratteristiche di Slack, ma quali sono i veri vantaggi?

I Vantaggi

Il maggiore è quello di indirizzare i messaggi per singolo canale.

Mi spiego meglio.

Posso creare un canale dal titolo “Riunioni di area” e tutti coloro che sono abilitati a leggere quel canale, vedranno i messaggi di quel canale e potranno scrivere o rispondere a quel determinato canale.

Così, quanto un ISF vuole aggiornamenti sulla riunione di area, non dovrà fare altro che accedere al canale “Riunioni di area” e leggere i messaggi scambiati su quel tema o fare ricerche al suo interno.

Quindi se l’ISF vuol sapere orario e luogo della riunione, leggere il programma o qualsiasi altra informazione postata sulla riunione potrà farlo semplicemente e velocemente.

Questo è un grande vantaggio, in quanto oramai sono innumerevoli gli studi che misurano lo spreco di tempo “impegnato” non solo nel leggere e rispondere alle mail, ma anche nel ritrovare i vari argomenti di interesse.

Altro grande pregio di Slack è l’apertura ad altri programmi ed app. Ad esempio, si può sincronizzare Slack con:

  • il proprio calendario e vedere tutti gli appuntamenti,
  • Google Drive o Dropbox per avere documenti e presentazioni immediatamente visibili,
  • Guru, Quandora o altri programmi simili dove viene riunita ed organizzata la conoscenza aziendale sui prodotti, alla quale l’ISF può accedere dal telefonino o dall’iPad direttamente in sala di attesa.
modestbranding=1&rel=0&autohide=1&playsinline=1&autoplay=0">
#038;modestbranding=1&rel=0&autohide=1&playsinline=1&autoplay=0" width="480" height="270">

Si possono interfacciare i vari CRM e quindi mostrare informazioni sulla copertura, sulla frequenza e sul giro visite pianificato.

La scelta di app è molto vasta e funzionale. Con determinate app è possibile stabilire e ricordare delle scadenze agli ISF (invia il modulo X entro la data Y e lo scarico campioni entro la data Z).

Ci sono anche app molto semplici che possono essere impiegate come “pacca sulla spalla” pubblica all’interno del team.

In tal modo sarà semplice e divertente motivare all’interno del gruppo, il lavoro ed i risultati ottenuti da un determinato ISF, gratificandolo.

Non è sgradevole neppure il rovescio della medaglia, ovvero l’inserimento all’interno del team di un sano motivo di ulteriore competizione e di emulazione.

Se un AM ed i propri ISF iniziano ad impiegare Slack, comprendendone le funzionalità ed il grande potenziale, si renderanno conto che è possibile:

  • Far circolare le informazioni più velocemente
  • Ritrovare le informazioni in tempi più rapidi
  • Risparmiare tempo
  • Ridurre lo stress
  • Essere più organizzati nel lavoro e nella programmazione
  • Migliorare la puntualità nello svolgimento delle attività burocratiche

Io consiglio sempre questo strumento sia agli AM (visto che 10 licenze sono gratuite) che ai Responsabili Vendite o Commerciali in quanto nella mia esperienza di utilizzo più che quinquennale, ne ho sempre apprezzato i tangibili vantaggi.

Slack per tutti

Ci sono in rete numerose guide anche in italiano sulle funzionalità di Slack, sui vari comandi, sulle app con cui è integrabile.

Leggi ad esempio la guida su Webtaste o su Kinsta. Se siete tra coloro che credono che la tecnologia può davvero migliorare il nostro modo di lavorare, ottimizzandolo e semplificandolo, il mio invito è dunque quello di scaricare l’app e mettere alla prova i vantaggi di Slack all’interno del vostro team.

Se invece siete tra quelli che subiscono la tecnologia, ma meno ce n’è e meglio si vive, allora grazie per il tempo che avete speso nel leggere queste righe.

modestbranding=1&rel=0&autohide=1&playsinline=1&autoplay=0">
#038;modestbranding=1&rel=0&autohide=1&playsinline=1&autoplay=0" width="480" height="270">
0 comment
0

You may also like

Leave a Comment